CARATTERE
Home
per il produttore

... segue dalla "home page"...

 

  • adottare ogni misura necessaria per assicurare il corretto smaltimento dei rifiuti originati, da parte dei soggetti da lui dipendenti, siano essi delegati o meno,
  • controllare che effettivamente le norme siano rispettate, lungo tutta la “catena” di evasione di una operazione di smaltimento, sia nelle fasi interne all’azienda (produzione, caratterizzazione, carico, ecc.) che esterne (trasporto, conferimento a impianto, scarico, ecc.); gli “attori” principali di questa “catena”, che operano in forza di specifiche autorizzazioni, sono il vettore e l’impianto di smaltimento.

 

Quindi, in “pillole”, il produttore del rifiuto deve:

  • caratterizzare il rifiuto prodotto, originato da un determinato ciclo produttivo, sotto il profilo sia dell’attribuzione di un CER adeguato che della garanzia di una sicura manipolazione, con l’attribuzione di classi di pericolo specifiche per quel rifiuto, se si tratta di un rifiuto pericoloso
  • attribuire un CER del tipo “..99” solo in via residuale, dopo aver esaurito tutto il “percorso” guidato previsto dalle normative, ed in tal caso approfondire il dettaglio della caratterizzazione di questo rifiuto, che è codificato come “rifiuti non specificati altrimenti”
  • disporre di una adeguata documentazione del vettore, ad attestare l’idoneità al trasporto di quel determinato rifiuto, e che il mezzo impiegato sia citato, per quanto riguarda le targhe della motrice e dell’eventuale rimorchio, fra quelli autorizzati al trasporto di quello specifico CER
  • destinare sempre il proprio rifiuto, qualora risulti tecnicamente ed economicamente possibile, ad un impianto di smaltimento “finale”
  • impiegare un impianto di smaltimento autorizzato al ritiro di quello specifico CER e all’esecuzione delle operazioni di trattamento previste proprio per quel rifiuto,
  • scegliere un impianto ubicato a distanza limitata, per ragioni di contenimento dei costi sia “economici” che “ambientali”.

 

Il produttore, prima di accettare l’esecuzione di un servizio, dovrà disporre della documentazione relativa agli atti autorizzativi di TUTTI gli operatori coinvolti, a propria tutela e garanzia di un corretto svolgimento di TUTTE le fasi della gestione del rifiuto.

 

Qualora il produttore del rifiuto si avvalga di un “intermediario non detentore”, che pertanto non è un “gestore del rifiuto” in senso giuridico, dovrà comunque assicurarsi che questo offra adeguate garanzie di qualità ed affidabilità, nella considerazione che è proprio tramite questo soggetto, di impiego diffuso in questa ed in altre attività economiche, che avviene la chiusura di una transazione commerciale con cui sono peraltro mantenute in capo allo stesso produttore le proprie responsabilità, di natura civile e penale.

 

Nel database RETEimpianti sono contenute informazioni sugli impianti di smaltimento che operano in regime di Autorizzazione Integrata Ambientale che NON sostituiscono in alcun modo l’acquisizione e verifica diretta degli atti in questione, così come avviene anche per il database vettori, consultabile on-line presso l’Albo nazionale gestori ambientali, che NON sostituisce i provvedimenti e le certificazioni rilasciati ai sensi delle norme vigenti.

 

LEGGI ANCHE, in "home page":

per l'intermediario

per l'impianto

StellaOctangulaNet1_800

 
Valid XHTML and CSS.